Giolitti

Giovanni Giolitti (1842-1928) è stato il rappresentante diretto della borghesia italiana fino all'avvento del fascismo, rivestendo la carica di capo del governo per 5 volte (nel 1891, nel 1903, nel 1906, nel 1911 ed infine nel giugno del 1920). Giolitti fu l'uomo d'ordine che guidò la repressione del Biennio rosso (1919-1920), il periodo rivoluzionario che portò all'occupazione delle fabbriche nel nord Italia e che venne tradito dai dirigenti del Psi e della Cgil, che si rifiutarono di passare all'azione e prendere il potere politico. Giolitti è l'uomo dell'esercito davanti alle fabbriche, ossia l'esecutore dei padroni per conto dello stato.
Giolitti - Giovanni Giolitti (1842-1928) è stato il rappresentante diretto della borghesia italiana fino all'avvento del fascismo, rivestendo la carica di capo del governo per 5 volte (nel 1891, nel 1903, nel 1906, nel 1911 ed infine nel giugno del 1920). Giolitti fu l'uomo d'ordine che guidò la repressione del Biennio rosso (1919-1920), il periodo rivoluzionario che portò all'occupazione delle fabbriche nel nord Italia e che venne tradito dai dirigenti del Psi e della Cgil, che si rifiutarono di passare all'azione e prendere il potere politico. Giolitti è l'uomo dell'esercito davanti alle fabbriche, ossia l'esecutore dei padroni per conto dello stato.