Glossario

A
Andropov - Jurij Vladimirovic Andropov (1914 – 1984): Già membro del Komsomol, si iscrive al PCUS nel 1939. Nel 1951 entra nella segreteria del Partito. Dal 1954 al 1957 fu ambasciatore sovietico in Ungheria, svolgendo un ruolo di primo piano nell’invasione sovietica dell’Ungheria. Dal 1967 al 1982 fu a capo del KGB. Segretario Generale del PCUS tra il 1982 e il 1984.
B
Brest-Li­tovsk - Trattato che sancisce l’uscita della Russia rivoluzionaria dalla Prima guerra mondiale
C
CgDl - CgDl è il nome con cui viene fondata al Confederazione Generale del Lavoro, che si chiamerà dopo la seconda guerra mondiale Cgil.
Chruščëv - Nikita Chruščëv (1894 – 1971): Combattente dell’Armata Rossa, entra nel Partito Bolscevico nel 1918. Nel 1934 diviene membro del Comitato Centrale del PCUS. Alla morte di Stalin, avvenuta nel 1953, diventa Segretario del Partito. Nel 1956, pronuncia le cosiddette “ventimila parole contro il terrore”, criticando la gestione del partito da parte del suo predecessore. Responsabile dell’intervento sovietico in Ungheria, approvò il piano della Germania Est per la costruzione del Muro di Berlino nel 1961. Nel 1964 viene rimosso dalla carica di Segretario e sostituito da Breznev.
Coccapieller - Francesco Coccapieller (1831-1901), popolano romano, combattente risorgimentale e garibaldino.
D
D'Annunzio - Gabriele D'Annunzio (1863-1938), poeta soprannominato Il Vate, gioca un ruolo anche sul piano militante e politico, con le sue imprese teatrali ed eclatanti. La più famosa e anche quella più consistente fu l'impresa di Fiume. Quest'ultima dura dal 1919 al 1920 e consiste in un colpo militare per occupare la città di Fiume che le potenze vincitrici della prima guerra mondiale non avevano assegnato all'Italia. Il Governo Giolitti fa sgombrare Fiume dopo aver siglato il trattato di Rapallo con le potenze vincitrici. L'impresa di Fiume creava diversi imbarazzi: lo stesso Mussolini non poteva permettersi di non appoggiarla ma al contempo temeva l'ascesa di D'Annunzio come possibile leader della reazione italiana. Ruolo che Mussolini ovviamente aspirava per sé.
Duma - Organo di stato presente nella Russia imperiale con funzioni prettamente consultive
E
Ebert - Friedrich Ebert (1871-1925) fu il principale leader della corrente di maggioranza del Partito Socialdemocratico Tedesco che sostenne lo sforzo bellico della Germania nella Prima Guerra Mondiale. Prese parte al governo di Maximilian di Baden, fu suo successore (nel ’18) e nel ’19 venne eletto president del Reich dall’assemblea della neonata Repubblica di Weimar.
G
Gero - Erno Gero (1898 – 1980): Primo Ministro ungherese tra il luglio e l’ottobre 1956.
Giolitti - Giovanni Giolitti (1842-1928) è stato il rappresentante diretto della borghesia italiana fino all'avvento del fascismo, rivestendo la carica di capo del governo per 5 volte (nel 1891, nel 1903, nel 1906, nel 1911 ed infine nel giugno del 1920). Giolitti fu l'uomo d'ordine che guidò la repressione del Biennio rosso (1919-1920), il periodo rivoluzionario che portò all'occupazione delle fabbriche nel nord Italia e che venne tradito dai dirigenti del Psi e della Cgil, che si rifiutarono di passare all'azione e prendere il potere politico. Giolitti è l'uomo dell'esercito davanti alle fabbriche, ossia l'esecutore dei padroni per conto dello stato.
H
Hegedus - Andras Hegedus (1922 – 1999): Primo ministro ungherese tra il 1955 e l’ottobre 1956, quando, in seguito allo scoppio della Rivoluzione Ungherese, decide di fuggire in URSS. Durante il suo governo, Hegedus firma l’adesione dell’Ungheria al Patto di Varsavia. Rientra in Ungheria nel 1958 per insegnare sociologia.
K
Kerensky - Socialista, membro del Primo governo provvisorio fino alle Rivoluzione di Ottobre
Kàdàr - Janos Kàdàr (1912 – 1989): Militante della KIMSZ (Federazione ungherese dei giovani lavoratori comunisti), passò buona parte degli anni ’30 (durante il regime di Horthy) in carcere. Protagonista della resistenza al nazismo, nel 1951 verrà incarcerato (fino al 1954) per aver preso posizione a favore di Tito. Segretario del Partito Socialista Operaio d’Ungheria durante la Rivoluzione ungherese, mantenne questa carica fino al 1988.
L
Lazzaretti - Davide Lazzaretti (1834-1878), predicatore visionario italiano noto nel Monte Amiata in Toscana.
l'Avanti! - è stato il quotidiano del (PSI). Il primo numero uscì a Roma il 25 dicembre 1896. Fu diretto inizialmente da Leonida Bissolati.L' sostenne una forte campagna per la neutralità assoluta da tenere nei confronti degli opposti schieramenti della prima guerra mondiale. Dopo aver sostenuto questa posizione, il quotidiano si pronunciò a favore dell'intervento sotto la spinta del suo direttore Benito Mussolini. Per questo Mussolini chiese alla direzione nazionale del partito di approvare la sua linea altrimenti avrebbe presentato le proprie dimissioni: si dimise dall'incarico il giorno seguente e fu poi espulso dal PSI. Dopo la guerra, fra i direttori ci fu Giacinto Menotti Serrati.
M
Massimalismo socialista - fu una corrente politica del Partito Socialista Italiano fondata da Giacinto Menotti Serrati nel 1919.La corrente massimalista sosteneva di voler realizzare gli obiettivi "massimi" anticapitalistici e rivoluzionari del socialismo, pur continuando nei fatti a muoversi nell'ottica riformista e parlamentare.Al XVII congresso del PSI del 1921, lo scontro tra la corrente massimalista (al momento maggioranza nel partito) e la corrente comunista riguardo all'espulsione dal partito della corrente riformista di Turati (come richiesto dalla Terza Internazionale) fu all'origine della cosiddetta scissione di Livorno che portò alla creazione del Partito Comunista d'Italia.
Mikojan - Anastas Ivanovic Mikojan (1895 – 1978): Membro del Partito Bolscevico fin dalla Prima Guerra Mondiale, entra a far parte del CC del PCUS nel 1923. Dal 1935 membro del Politburo. Tra i principali organizzatori del discorso di Kruschev nel 1956, verrà inviato dal governo sovietico in Ungheria durante la Rivoluzione. Presidente del Praesidium del Soviet Supremo dell’Unione Sovietica tra il 1964 e il 1965, si ritirò poco dopo.
N
Nagy - Imre Nagy (1896 – 1958): Partecipa alla Grande Guerra come membro dell’esercito austroungarico. Catturato dall’esercito russo nel 1916, passerà dalla parte dell’Armata Rossa nel 1918. Negli anni ’20 rientra in Ungheria per aiutare il Partito Comunista divenuto clandestino. Negli anni ’30 lavora per l’apparato di sicurezza sovietico. Rientrato in Ungheria, assume la carica di Primo Ministro tra il 1953 e il 1955 e, successivamente, nell’autunno del 1956. Condannato a morte, muore nel 1958.
Nitti - Francesco Saverio Nitti (1868-1953) è stato in carica come presidente del Consiglio dei Ministri dal 23 giugno 1919 al 15 giugno 1920. Proveniva dalla cosiddetta ala radicale della borghesia italiana. Eppure Gramsci non individua una differenza qualitativa nel ruolo che Nitti e Giolitti giocano di fronte all'ascesa fascista. Non si tratta di non cogliere le differenze individuali ma di capire che entrambi si appoggiano sulla stessa classe.
O
Ordine Nuovo - Fondato a Torino il 1° maggio 1919 da Gramsci e altri giovani socialisti. Pur non riuscendo a costruire un gruppo omogeneo, l'Ordine Nuovo é la testata che promuove, analizza e sviluppa l'idea dei Consigli di Fabbrica in Italia, particolarmente tra il giugno 1919 e l'autunno 1920. Sospende le pubblicazioni nel maggio 1922. Ci sarà un'altra serie dell'Ordine Nuovo tra il 1924 e il 1925, la quale avrà un carattere differente, maggiormente mirato all'approfondimento teorico.
P
Palazzo Smolni - Quartier generale dei Soviet di Pietrogrado
Partito Comunista d’Italia - (PCd’I) fu un partito politico italiano nato il 21 gennaio 1921 a Livorno come sezione italiana della Terza Internazionale dalla scissione della mozione di sinistra del Partito Socialista Italiano guidata da Amadeo Bordiga e Antonio Gramsci, al XVII Congresso socialista.Assunse il nome di Partito Comunista Italiano il 15 maggio 1943, in seguito allo scioglimento della Terza Internazionale e mentre ancora operava in clandestinità tra Mosca, Parigi e l'Italia per la sua netta opposizione al regime fascista vigente in patria.
Partito Socialista Italiano - Partito Socialista Italiano (PSI) nasce ufficialmente nel congresso di Parma del 1895; a Genova, nel 1892, nella sala Sivori, ebbe il nome di Partito dei Lavoratori Italiani; a Reggio Emilia venne cambiato in Partito Socialista dei Lavoratori Italiani, assunse il nome definitivo nel 1895.
Patto di pacificazione - Il Patto di pacificazione fu firmato il 3 agosto 1921 tra socialisti e fascisti. Attraverso un accordo di tregua (rivelatosi ben presto puramente teorico) si voleva far uscire il paese dalla guerra civile che vedeva contrapposti socialisti e fascisti. Il patto consisteva in un generico impegno di rinuncia alla violenza da ambo le parti.Il Partito Socialista sfruttò l’occasione per prendere le distanze dall'organizzazione degli Arditi del Popolo, un gruppo armato che aveva il fine di difendere le associazioni proletarie dalle violenze fasciste, indebolendo così ulteriormente lo schieramento di forze in difesa dei lavoratori.
Putiloff - Una delle più vaste officine metallurgiche situata alla periferia di Pietrogrado
puds - Equivalenti a circa 3 milioni e 200mila kilogrammi
R
Rakosi - Matyas Rakosi (1892 – 1971): Soldato dell’Impero Austro – Ungarico durante la Prima guerra mondiale, viene fatto prigioniero nel 1915. Diventa comunista e partecipa al governo di Bela Kun nel 1919. In prigione dal 1924 al 1940, fugge in URSS, diventando capo del Comitern. Dal 1948 al 1956 fu Segretario generale del Partito Comunista Ungherese. In seguito alla Rivoluzione Ungherese abbandona l’Ungheria per rifugiarsi in URSS, dove rimarrà fino alla morte.
Renner - Karl Renner (1870 -1950) fu il principale esponente dell’ala destra del Partito Socialdemocratico Austriaco. Eletto parlamentare nel 1907, fu Capo della Cancelleria di Stato dal’18 al ’20 e Presidente dell’Austria dal ’45 al ’50.
S
Scheidemann - Philipp Scheidemann (1865–1939) parlamentare per il Partito Socialdemocratico Tedesco, fece parte della componente maggioritaria del partito che appoggiò l’entrata della Germania nella Prima Guerra Mondiale. Alla fine della Guerra, nel 1918, prese parte al governo guidato dal Principe Maximilian di Baden. Successivamente presiedette per un breve periodo, nel 1919, il primo governo della Repubblica di Weimar, governo di coalizione con liberali e cattolici conservatori. Esule in Danimarca durante il Nazismo dal ‘33, morî a Copenhagen nel ’39.
Sciopero delle lancette - E' il nome dell'agitazione che scoppia a Torino nell'aprile 1920. Il nome deriva dall'episodio che i padroni prendono a prestito per dichiarare la serrata. Scoppia infatti uno sciopero alla Fiat Brevetti contro l'ora legale a cui segue una serrata padronale che costringe gli operai torinesi allo sciopero generale, represso violentemente dalla forza pubblica. Ma la vera debolezza del movimento operaio piemontese consiste nella mancata generalizzazione della lotta da parte della direzione del Psi e della Cgl.
Suslov - Michail Suslov (1902 – 1982): Membro del PCUS fin dal 1921. Dal 1946 nel CC, per un paio d’anni fu Direttore della Pravda. Tra i principali organizzatori per la celebrazione del settantesimo compleanno di Stalin nel 1949. Nel 1952 ammesso, su proposta di Stalin nel Praesidium del CC. Tra i più convinti sostenitori della repressione in Ungheria nel 1956., Sotto Breznev divenne l’ideologo del partito.
T
Taylor - Il taylorismo analizza il miglior processo produttivo pensabile suddividendolo in tre fasi: analizzare le caratteristiche della mansione da svolgere, creare il prototipo del lavoratore adatto a quel tipo di mansione, selezionare il lavoratore ideale, al fine di formarlo e introdurlo nell'azienda.
Terza Internazionale - La Terza Internazionale o Comintern (o Komintern, dalle parole tedesche Kommunistische Internationale, dato che il tedesco era la lingua ufficiale della Terza Internazionale) è il termine con cui si indica l'organizzazione internazionale dei partiti comunisti dal 1919 al 1943.Fu fondata per iniziativa dei bolscevichi russi dopo il fallimento della Seconda Internazionale, causato dall'appoggio dato ai propri governi dai socialdemocratici tedeschi e francesi in occasione della prima guerra mondiale. Il Comintern nasce a Mosca nel marzo 1919, con lo scopo di sostenere il governo sovietico, favorire la formazione di partiti comunisti in tutto il mondo e diffondere la rivoluzione a livello internazionale.
U
Umanità Nova - Tradizionale giornale anarchico